Govanni Pacor

 

 

 

 

 

 

 

 

Giovanni Pacor è nato a Trieste.

Dal 1986 al 1992 ha diretto la Budapest Chamber Orchestra in oltre 150 concerti in tutta Europa.

Dal 1991 è stato consulente musicale e direttore d’orchestra al Teatro Lirico Sperimentale di Spoleto dove ha lavorato con solisti di fama mondiale come Ruggero Raimondi, Leo Nucci, Giorgio Merighi, Elisabeth Norberg-Schulz. In quel periodo ha diretto una serie di concerti con l’Orchestra da Camera dell’Accademia Nazionale di Santa Cecilia a Palazzo Farnese a Roma.

Dal 1993 al 1998 ha ricoperto la carica di direttore musicale allo Stadttheater di Klagenfurt, dirigendo un vasto repertorio operistico e numerosi concerti sinfonici. Nel 1994 è stato invitato da Fabio Luisi al Festival di Bregenz per la produzione Francesca da Rimini. Contemporaneamente ha lavorato con diverse orchestre italiane e straniere, a Pisa (Il Signor Bruschino, La scala di seta), Regensburg (Nabucco) e Norimberga (La Traviata).

Dal 1998 è consulente musicale per lo European Opera Center di Manchester dove ha portato a compimento svariate iniziative come Lucio Silla prodotto per il Teatro Reale di Copenhagen, il progetto Rossini-Cimarosa per il Festival Tibor Varga a Sierre e Emilia di Liverpool per l’anno della cultura della città di Liverpool.   Tra gli impegni di questo periodo, una nuova produzione de La Bohème al Teatro Municipale di Salerno, L’Elisir d’Amore e il Don Pasquale alla Oper Graz, Il camanello e Il Signor Bruschino al Tenerife Festival nonché concerti e registrazioni con la Ungarischen Nationalphilharmonie, la Württembergische Philharmonie Reutlingen, l’Orchestra Sinfonica di Oviedo e l’Orchestra Sinfonica di Münster. Tra il 1996 e il 2002 è stato segretario artistico al Teatro Comunale “Giuseppe Verdi” di Trieste. Dal 2002 al 2007 è stato coordinatore artistico dell’Arena di Verona.

Dal 2008 al 2010 è stato sovrintendente all’Opera Nazionale di Atene e successivamente fino al 2014 del Teatro Carlo Felice di Genova

L’esperienza con l’opera lirica è stato il motivo principale del costante impegno nella ricerca di nuove voci.  Sempre con l’obiettivo di dare ai giovani talenti la possibilità di debuttare, nei teatri dove ha lavorato ha sempre istituito il “Opera Studio”, uno strumento straordinario per i giovani artisti per vivere direttamente la vita professionale dall’interno. Giovanni Pacor ha lavorato con grandi interpreti del mondo musicale, da Zubin Mehta a Franco Zeffirelli, da David Garrett a Andrea Bocelli, poi Jean-Pierre Rampal, Ruggero Raimondo, Leo Nucci, Mariella Devia.

E’ diplomato in violino, composizione e direzione corale e direzione d’orchestra presso la Musikhochschule di Vienna.

Giovanni Pacor è ideatore principale delle iniziative di OperAverona.